come vendere su amazon tutto quello che devi sapere

Come vendere su Amazon tutto quello che devi sapere

Se stai leggendo questo articolo è perché sei curioso di sapere come vendere su Amazon.

Abbiamo già visto che per iniziare a vendere online i marketplace rappresentano un buon punto di partenza. Pensa che occupano il 50% del mercato delle vendite online e tra i principali marketplace presenti in rete Amazon, attualmente, è quello con maggiore visibilità.

Grazie alla facilità d’uso, all’impeccabile servizio clienti e a spedizioni veloci e garantite è riuscito a farsi spazio e quasi a monopolizzare il mercato.

Se stai cercando una guida su come vendere su Amazon, vuol dire che hai colto l’opportunità del marketplace e sai che vendere su Amazon potrebbe essere la scelta migliore se vuoi iniziare a vendere online senza necessariamente realizzare sin da subito un ecommerce e risparmiare tempo e budget.

Attenzione però, prima di impelagarti in questa avventura, fai le dovute considerazioni, perché non sempre questa strada è percorribile; occorre verificare, ad esempio, se i prodotti offerti sono già presenti sulla piattaforma, se il prezzo di vendita, escluse le percentuali da destinare ad Amazon, ti lascia un margine di guadagno e tanti altri aspetti.

In questa guida troverai tutti i passi da fare per vendere su Amazon, ma anche tutti gli elementi che ti aiuteranno a prendere una decisione, positivi e negativi.

Iniziamo subito e rispondiamo alla prima domanda che solitamente si pone il venditore che decide di intraprendere questa avventura: come vendere su Amazon?

come vendere su amazon registra un account

Aprire un account per vendere su Amazon

Aprire un account per vendere su Amazon

Aprire un account è la prima cosa da fare per vendere su Amazon e creare il tuo negozio online.

Devi scegliere tra le due tipologie di iscrizione disponibili su Amazon:

  • Account Amazon di Base (meno di 40 vendite al mese);
  • Account Amazon Pro (più di 40 vendite al mese).

La principale differenza è che con l’account Base di Amazon non dovrai pagare nulla fino a quando non avrai fatto la tua prima vendita, con l’account Pro dovrai pagare un abbonamento mensile di 39 € indipendentemente dal numero di vendite effettuato.
In entrambi i piani Amazon trattiene per sè delle commissioni sul prezzo di vendita che variano in base al piano scelto e alla categoria merceologica a cui appartiene il prodotto venduto.
Per approfondire tutti i dettagli delle offerte e saperne di più, ti consiglio di consultare la pagina dei piani e tariffe su Amazon dove sono riportati anche degli esempi di calcolo delle commissioni per entrambi i piani di sottoscrizione.

Se non sei un’azienda, ma vuoi comunque saperne di più su come vendere su Amazon, non preoccuparti, puoi continuare tranquillamente nella lettura, perché è possibile aprire un account e vendere sul marketplace anche come venditore individuale, scegliendo l’account Base.

A questo punto sei pronto per Registrare un account Amazon.
Una volta scelto il piano tariffario più adatto alle tue esigenze occorre valutare la possibilità di vendere solo su Amazon.it o su tutti e 5 i siti di vendita Amazon europei (Italia, Francia, Germania, Spagna e Regno Unito) e spuntare la relativa casella. Non devi necessariamente attivare tutte le piattaforme si da subito, ma sappi che hai la possibilità di farlo quando vuoi.

Registra un nuovo account Amazon

Registra un nuovo account Amazon

Amazon account: informazioni aziendali e impostazioni

Dal Seller Central, accedi al pannello di registrazione cliccando su Registrati Ora, troverai un form da compilare con Nome, indirizzo email valido e una password. Man mano che procederai con la compilazione, Amazon ti chiederà le informazioni personali e aziendali di contatto e l’inserimento di un conto bancario sul quale Amazon accrediterà i soldi derivanti dalle vendite scorporati delle percentuali, ogni 15 giorni.
Una piccola precisazione: a differenza di come accade per eBay, Amazon paga solitamente ogni 15 giorni, accreditando la somma direttamente sul conto bancario che avrai indicato in fase di registrazione. È possibile chiedere un anticipo sul pagamento, ma in linea di massima i soldi maturati dalle vendite dei tuoi prodotti sono “bloccati” per 15 giorni.

Si tratta di un aspetto molto particolare, forse una delle chiavi del successo di Amazon. Tu anticipi i prodotti venduti e per 15 giorni Amazon ha i tuoi soldi a sua disposizione. Immagina ora quanti venditori ci sono su Amazon e quanti soldi incassa ogni giorno. Non è facile da stimare, ma sarà certamente una somma considerevole. E ti sei mai chiesto cosa ci farà Amazon con tutta quella disponibilità economica?
Io non lo so, ma sicuramente qualcosa che gli consentirà di moltiplicarne il valore.

Chiusa questa riflessione personale, torniamo alla spiegazione su come vendere su Amazon.

Un’altra informazione obbligatoria da inserire nel corso della registrazione dell’Amazon Account è la carta di credito. Questa informazione servirà ad Amazon come garanzia in caso di saldo negativo, ad esempio un Chargeback (cliente che chiede l’annullamento della transazione e il riaccredito della somma alla sua banca) o una Garanzia A-Z da parte di un cliente (cliente che chiede il rimborso della somma versata ad Amazon nel rispetto delle condizioni previste dal marketplace) e a te, come accesso all’assistenza del marketplace (al telefono, prima di darti informazioni, ti chiedono le ultime 4 cifre della carta di credito inserita).
Ora, devi impostare la sezione relativa ai costi di spedizione, dove dovrai indicare il costo in base ad una fascia di prezzo o di peso e le nazioni verso le quali spedisci con i relativi costi.

Ti consiglio di prestare particolare attenzione alla sezione “Le tue informazioni e condizioni”, che troverai nella tua area riservata, sotto la voce “Impostazioni” in alto a destra.

Area riservata Amazon Seller Central

Area riservata Amazon Seller Central

Spesso chi inizia a vendere su Amazon trascura la compilazione di questa sezione, eppure rappresenta un valore aggiunto per quegli utenti, pochi ma presenti, che vogliono più informazioni sul venditore.
In questa sezione puoi raccontare la tua azienda, aggiungere un logo, dare più informazioni su come gestire i resi e rimborsi, le spedizioni, se offri servizi regalo, la tua informativa sulla privacy e le domande frequenti.

Probabilmente questa trasparenza non ti darà un riscontro misurabile, ma ti assicuro che è una buona occasione per rassicurare l’utente incerto che, non vedendo feedback a supporto, perché sei agli inizi, cerca maggiori informazioni, e può tornare utile in caso di problemi con i clienti, scrivere tutto è sempre un bene 🙂
Se hai seguito passo dopo passo i passaggi e compilato tutti i campi obbligatori richiesti da Amazon per l’iscrizione, avrai completato la registrazione del tuo account Amazon.

Riepiloghiamo in estrema sintesi come aprire un Amazon account:

  1. Scegliere tra l’account base e l’account pro;
  2. Compilare tutti i campi richiesti dal form di iscrizione (è obbligatorio avere la Partita Iva nel caso di account pro, un conto bancario e una carta di credito);
  3. Compilare attentamente anche la sezione “Le tue informazioni e condizioni”.
  4. Comportarsi bene, seguendo le regole di Amazon.

Ora non ti resta che caricare i prodotti e iniziare a vendere.

A quest’ultimo proposito, prima di dirti qualcosa sui prodotti, vorrei sottolineare un aspetto un po’ antipatico.

Con Amazon occorre comportarsi bene. Se non lo fai, il tuo account viene chiuso. In questo caso, Amazon si riserva di bloccare il tuo saldo, quindi i soldi derivanti dalla vendita dei prodotti, fino a 90 giorni per escludere qualsiasi problema con le vendite effettuate negli ultimi 15 giorni. Quindi, attento a rispettare le regole di Amazon, con loro non si scherza, sanno essere molto cattivi quando vogliono.

Se ti sta piacendo questo articolo, e non lo hai ancora fatto, metti un Mi Piace alla mia pagina, grazie 😉

Come vendere su Amazon: caricare i prodotti

Per vendere su Amazon occorre avere dei prodotti e caricarli sulla piattaforma.

Puoi seguire 3 strade:

  • Caricare i prodotti singolarmente dall’inventario;
  • Caricare i prodotti con un file Excel;
  • Caricare i prodotti attraverso un plugin di sincronizzazione con il proprio sito/gestionale.

Vediamo insieme come vendere su Amazon con queste tre soluzioni.

Caricare i prodotti su Amazon singolarmente

Per caricare i prodotti singolarmente dall’inventario basterà accedere al tuo Amazon Account e all’area riservata, cliccare su “Inventario” in alto a sinistra e da lì “Aggiungi un prodotto” sulla destra.

Aggiungi un prodotto singolo

Aggiungi un prodotto singolo

A questo punto, cerca il prodotto che vuoi mettere in vendita per verificare se è già presente su Amazon oppure se sei il primo a inserirlo. Puoi cercare il prodotto inserendo una descrizione oppure il codice identificativo (EAN, UPC, ASIN, ISBN) nell’apposita barra. Se il prodotto è già presente nel database di Amazon, ti verrà mostrata la scheda del prodotto, selezionala.

In questo caso specifico, avrai un titolo e una scheda prodotto giá compilata, completala inserendo un identificativo univoco (SKU) per il tuo inventario (se non lo fai Amazon lo genererà in maniera automatica), le condizioni del prodotto che stai vendendo (nuovo, usato, etc.), il prezzo e le quantità disponibili.

Una volta confermato, il prodotto entrerà a far parte del tuo catalogo Amazon.

Solitamente il prodotto impiega circa 15 minuti per sincronizzarsi e quindi essere visibile nel tuo inventario, quindi se non appare subito tranquillo, occorre solo aspettare un po’.

Se, invece, il prodotto che vuoi vendere non è presente su Amazon, clicca su Crea una nuova offerta e compila la scheda del prodotto inserendo tutte le informazioni (titolo, descrizione, foto, caratteristiche, etc.), ma soprattutto il codice EAN che identifica univocamente il prodotto.
Chiunque dopo di te inserirà lo stesso articolo con lo stesso codice EAN troverà la tua scheda. Fai particolare attenzione alle foto che carichi: devono essere grandi abbastanza da permettere lo zoom agli utenti (almeno 1000×1000 px), devono essere su sfondo bianco, non devono contenere testo e il prodotto deve occupare almeno l’85% dell’immagine.

Caricare i prodotti su Amazon con un file Excel

Se hai molti prodotti da caricare, perderesti troppo tempo ad inserirli singolarmente. Per questo motivo, Amazon mette a disposizione dei file in formato Excel da scaricare che forniscono tutte le informazioni necessarie per caricare velocemente tutti i tuoi prodotti contemporaneamente all’interno del tuo inventario.
Grazie a questi file potrai anche modificare le caratteristiche dei prodotti o eliminarli.
Ogni categoria ha il suo file, quindi devi scaricare e compilare quelli dedicati alle categorie merceologiche a cui appartengono i tuoi prodotti.

Riassumendo, la procedura è composta da 3 step:

  1. Scaricare il file preformattato;
  2. Inserire informazioni sul prodotto all’interno del file;
  3. Caricare il file in Seller Central.

Per scaricare il file preformattato occorre scegliere dal menù inventario “Aggiungi più prodotti” quindi selezionare “Scarica modello”. Qui troverai più modelli a disposizione, tra questi dovrai scegliere “Caricamento inventario” e poi la categoria di appartenenza tra quelle che ti verranno mostrate.
Nel caso in cui tu abbia un dubbio sull’appartenenza di un prodotto ad una specifica categoria puoi utilizzare il “classificatore prodotti”, presente sempre nella pagina “Aggiungi più prodotti”, ed effettuare una ricerca inserendo il prodotto che vuoi caricare.

Ti verranno mostrati tutti i nodi di navigazione a cui appartiene quel particolare articolo, seleziona quello che ti interessa e scoprirai l’ID da inserire all’interno del file inventario.
Adesso puoi procedere con l’apertura e il popolamento del modello. Attenzione, per utilizzare il modello di caricamento inventario occorre abilitare le macro.

Nel file ci saranno diverse schede da leggere prima di procedere: le istruzioni per l’utilizzo e la compilazione del file, la scheda “definizione dei dati” con le indicazioni dei campi obbligatori e facoltativi, la scheda “immagini” con tutti i requisiti richiesti per le immagini.

Consiglio: fai un test con pochi prodotti per verificare la corretta impostazione dei dati all’interno del file e solo dopo procedi al caricamento massivo.

come vendere su amazon caricare prodotti file excel

Aggiungi i prodotti con un file excel

Una volta pronto, potrai procedere al caricamento accedendo alla pagina “Aggiungi più prodotti”, sezione “Caricare il modello di caricamento dati”. Seleziona il modello corretto dal menù a tendina e invia il file ad Amazon per l’elaborazione.
Non appena sarà elaborato potrai visualizzare il report relativo al file caricato sempre nella stessa pagina dalla quale hai effettuato il caricamento. Scaricando il report, potrai verificare e correggere gli errori di caricamento prodotti.

Caricare i prodotti su Amazon con un plugin di sincronizzazione sito/software

In base alla mia esperienza, questa è la soluzione più completa, automatizzata ed affidabile per caricare i prodotti e vendere su Amazon. In questo modo non dovrai preoccuparti delle scorte, di aggiornare le quantità e potrai dedicarti ad attività strategiche per aumentare le vendite.

Molti software gestionali hanno introdotto nel tempo dei plug in dedicati alla sincronizzazione dei prodotti presenti in magazzino con l’inventario di Amazon. Per farlo dovrai semplicemente collegare le schede del tuo inventario con i prodotti in magazzino attraverso il codice univoco sku o l’asin di Amazon.
Uno script invierà le informazioni periodicamente ad Amazon, aggiornando prezzi e quantità autonomamente.

Allo stesso modo, alcune piattaforme ecommerce, come PrestaShop, hanno previsto dei plugin che permettono la sincronizzazione del tuo ecommerce con l’inventario Amazon.

Grazie a tali automatismi, eviterai di aggiornare manualmente di ogni singolo prodotto.

Abbiamo visto finora come vendere su Amazon dalla creazione di un account fino al caricamento dei prodotti. Per semplificare ulteriormente il compito, ecco un webinar online ufficiale di Amazon. Se hai letto attentamente la guida, il video sarà molto più chiaro e ti consentirà di vendere su Amazon immediatamente!

come iniziare a vendere su amazon in meno di 1 ora

Webinar: Come iniziare a vendere su Amazon in meno di 1 ora

Come promesso, terminata la parte tecnica, ecco i pro e contro del vendere su Amazon.

Se ti sta piacendo questo articolo, e non lo hai ancora fatto, metti un Mi Piace alla mia pagina, grazie 😉

Vendere su Amazon: pro e contro

Vendere su Amazon è una scelta che viene condivisa da molte aziende, a volte in maniera cosciente, altre volte perché si cerca un modo per incrementare il volume di affari, senza, però, affrontare una serie di considerazioni importanti.

Ecco, dopo avervi spiegato nel dettaglio gli aspetti tecnici su come vendere su Amazon, credo sia opportuno approfondire anche pro e contro della vendita sul marketplace.

Questa seconda parte ti fornirà, spero, gli strumenti utili a prendere una decisione consapevole e a capire se vendere su Amazon può essere la scelta giusta per la tua impresa.

Vendere su Amazon conviene?

Iniziamo subito con una delle domande che mi fanno più di frequente: perché vendere su Amazon?

In effetti sono sempre più i venditori che condividono esperienze negative e mi chiedono riscontro.
La mia risposta inizia sempre allo stesso modo: occorre analizzare bene il proprio business e i propri prodotti prima di decidere se e come affrontare la vendita sui Marketplace, in generale. Solo dopo aver fatto una buona analisi, si può iniziare a pensare alla strategia da implementare.

Premesso ciò, quelli che seguono sono alcuni motivi per vendere su Amazon. Se li condividi, allora probabilmente è il caso di procedere con uno studio approfondito del tuo business e decidere se e come affrontare il progetto.

Visibilità e fiducia dei clienti nel brand Amazon

Amazon, insieme ad eBay, copre circa il 50% del mercato online, quindi la metà delle vendite che si fanno online passa attraverso loro.

come vendere su amazon venditori italia

Percentuale di aziende italiane che vendono su Amazon

I clienti che acquistano su Amazon sono fidelizzati, amano l’esperienza di acquisto offerta del marketplace e difficilmente acquistano altrove.

Inoltre, il posizionamento organico e le attività di marketing vengono fatte da Amazon, che individua categorie e prodotti su cui investire.

Vendere su Amazon significa preoccuparsi unicamente di caricare i prodotti, evadere gli ordini/spedizioni e rispettare le regole del marketplace. Perché, allora, non farti spazio in questa fetta di mercato?

Vendere su Amazon per vendere all’estero

Grazie ad Amazon potrai accedere immediatamente alle piattaforme Amazon all’estero: amazon.de, amazon.fr, amazon.co.uk, amazon.es, per l’Europa (rispettivamente: Amazon Germania, Amazon Francia, Amazon Inghilterra, Amazon Spagna).

Dovrai solo attivare le schede prodotto e attenerti alle regole di reso e di spedizione previste per quel paese.

In questo modo, potrai capire subito se il tuo prodotto può essere interessante in altri paesi e soprattutto in quali dovrai concentrare gli sforzi.

Questo test ti servirà se vuoi iniziare a vendere all’estero anche sul tuo ecommerce.

Vendere su Amazon quanto costa?

Se vuoi vendere su Amazon non è difficile calcolare le spese da affrontare, perché conosci da subito i costi.

Una buona strategia, impostata all’inizio dell’attività, permette di coprire i costi sin dal primo mese.

Provare non costa nulla, o meglio, sai già quanto ti costa 😉

Piani e tariffe per vendere su Amazon

Piani e tariffe per vendere su Amazon

Analisi di mercato su Amazon

Anche su Amazon possiamo fare un’analisi di mercato.

Attraverso la ricerca dei prodotti che vuoi vendere su Amazon, troverai altri competitor che probabilmente non avevi preso in considerazione e potrai studiare la loro strategia di prezzo, capire se hanno un e-commerce e approfondire il loro catalogo prodotti.

Da questo studio approfondito, potresti trovare nuovi prodotti da inserire nel catalogo e scegliere quelli da vendere sul marketplace.

Vendere su Amazon opinioni e strategie

Se i motivi oggettivi che ti ho indicato non vi hanno convinto, tanto meglio, perché lo scopo non è necessariamente indurti a vendere su Amazon, ma solo darti gli strumenti per decidere in maniera consapevole se ti conviene o meno, sempre dopo aver effettuato un’analisi approfondita del tuo settore di riferimento.

Ciò premesso, concludiamo questo percorso con l’analisi di due situazioni di partenza nelle quali potresti trovarti nel momento in cui decidi di vendere su Amazon:

  • prodotti già in vendita su Amazon;
  • prodotti non ancora in vendita su Amazon.

Vediamoli nel dettaglio.

Prodotti già in vendita su Amazon

Questa è la situazione in cui il tuo prodotto appartiene ad un brand famoso e commerciale.

Nello specifico, scarpe, abbigliamento, smartphone etc.. di marchi famosi. Questi articoli si acquistano da rivenditori/fornitori, senza un contatto diretto con l’azienda che li produce e solitamente sono già in vendita su Amazon a prezzi più bassi rispetto a quelli che potresti offrire tu.

In quei casi, i fornitori o i produttori vendono direttamente i prodotti ad Amazon, che provvede immediatamente a inserirli nel suo servizio Prime.

Se ti riconosci in questa categoria e vuoi sapere se ti conviene vendere su Amazon, allora occorre semplicemente farsi due conti e verificare se c’è un margine significativo che giustifica la vendita su Amazon assicurandoti comunque un guadagno minimo.

In questa fase, se verifichi che i tuoi margini di guadagno sono molto bassi, ti consiglio di tenere conto anche della percentuale dei resi che potrebbero vanificare il tuo sforzo.

Se i tuoi competitor hanno un prezzo molto più basso del tuo e non puoi permetterti di competere con loro, in teoria non sarebbe consigliabile vendere su Amazon. Tuttavia, esistono delle soluzioni strategiche che potrebbero aiutarti a non rinunciare a questa opportunità di mercato.

Prodotti non ancora in vendita su Amazon

Questa è la situazione in cui i prodotti che vuoi vendere su Amazon sono artigianali, quindi di tua produzione esclusiva, oppure sono articoli di marchi per i quali hai un contratto di esclusiva con la casa madre per la distribuzione sul territorio.

Questo è il caso migliore se vuoi vendere su Amazon: non hai competitor diretti, sei l’unico o il primo a mettere in vendita il prodotto sul marketplace.

Chiaramente, la Buy Box di Amazon sarà tua, al prezzo che deciderai.

Il mio consiglio è di dedicare molto tempo e attenzione alla redazione della scheda prodotto, cercando di fornire più dettagli possibili.

Amazon apprezza molto le schede prodotto ricche di particolari e ti darà maggiore visibilità; l’utente, dal canto suo, acquisità maggiore fiducia nel tuo brand e si sentirà più sicuro nella scelta.

Naturalmente, hai bisogno dei codici a barre o codici ean per caricare i prodotti che non sono in vendita su Amazon e puoi acquistarli online su gs1.org, codiciean.it, codiceabarra.it, dove trovi diversi pacchetti da scegliere in base alle tue esigenze.

Vendere su amazon senza ean è possibile?

Si, se i tuoi prodotti sono artigianali, puoi chiedere ad Amazon di vendere i tuoi prodotti senza l’obbligo dei codici ean e potrai inserirli nel tuo catalogo direttamente dal Seller Central.

Non è finita qui.

Come vendere su Amazon: 5 cose da non fare

Ti ho già detto che per vendere su Amazon devi rispettare rigorosamente le sue regole.
Ricorda, sono irremovibili e se il tuo account viene chiuso potrai dire addio per sempre alla vendita dei tuoi prodotti su Amazon.

Ecco 5 tra le cose più importanti da evitare se non vuoi ritrovarti con un account sospeso e chiudere per sempre la tua esperienza con Amazon:

  1. Aprire più di un account Amazon che riconducano allo stesso soggetto;
  2. Utilizzare immagini che non rispettino le linee guida di Amazon;
  3. Spedire in ritardo, oltre i tempi indicati nelle impostazioni account;
  4. Prendersi troppo tempo per rispondere ai messaggi dei clienti;
  5. Annullare molti ordini.

Spero di esserti stato utile e di averti fornito una guida per muovere i primi passi e iniziare a vendere su Amazon, naturalmente mi farebbe piacere integrare questa guida per renderla quanto più completa possibile, quindi se hai un’esigenza in particolare ti prego di contattarmi oppure commentare questo articolo.

 

Se ti è piaciuto questo articolo, e non lo hai ancora fatto, metti un Mi Piace alla mia pagina, grazie 😉

Commenta questo articolo
2 commenti
  1. luigi
    luigi dice:

    vorrei una spiegazione per la vendita su amazon. Io vendo un prodotto che costa 10 euro + 1 euro come spesa di spedizione, se il cliente compra 10 pezzi paga 1 di spesa di spedizione oppure 10?

    Rispondi
    • Giuseppe Noschese
      Giuseppe Noschese dice:

      Ciao Luigi,

      dipende da come imposti la sezione relativa alle spedizioni nel tuo account, ma solitamente se il cliente effettua un unico ordine la spedizione sarà unica. Quindi pagherà 1 euro.

      Cosa pensi sia utile aggiungere a questa guida?
      Grazie per il tuo commento e spero di esserti stato utile.

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *